venerdì 21 febbraio 2020

Nasce “Shopping WEB TV”… cos’è e a cosa serve?

Avrai sicuramente notato, negli ultimi anni, il proliferarsi di canali televisivi dedicati alle televendite. Grazie al digitale terrestre si è creato nuovo spazio per grandi e piccole emittenti televisive dedicate. Ti sei mai chiesto quante persone seguono questi canali TV? E’ un’informazione che può conoscere (o stimare) solo chi gestisce il canale TV.  Certo è, che se continuano ad essere operativi è probabile che la spesa per la gestione dei programmi TV è coperta dagli introiti generati da questi.
Se per un’emittente TV non è facile valutare il numero di spettatori, il discorso è ben diverso per i canali Yotube. Chiunque può conoscere il numero di visualizzazione di ogni video e quanti utenti iscritti ha un canale.
Diventa facile osservare che negli ultimi anni i canali Youtube dedicati allo shopping sono esplosi, con migliaia di iscritti e milioni di visualizzazioni, i numeri sono sotto gli occhi di tutti.
Il video si è dimostrato il mezzo più efficace per veicolare informazioni. Oramai sono tantissime le persone che la sera non guardano più la TV ma passano il tempo su Youtube.
Oramai tutte le aziende hanno un proprio canale Youtube ed alcune inseriscono sistematicamente tutti i propri prodotti su Youtube.
Ma perché tutto questo successo dei video Youtube?
Principalmente perché un video è più comodo e piacevole da consultare, se lo paragoniamo a fotografie o a del testo da leggere. In un video troviamo tante informazioni, semplici da cercare, piacevoli da guardare ed ascoltare, disponibili quando vogliamo, 24 ore su 24, la cui fruizione non comporta troppo impegno per l’utente.

Un altro dato che purtroppo è sotto gli occhi di tutti, è che in questo mondo sempre più comodo e multimediale i negozi cittadini sono sempre più in affanno o sono costretti a chiudere.
E’ vero che molti esercenti non conoscono le potenzialità di Youtube, oltre al fatto che la principale difficoltà che incontrano nell’utilizzo di questo strumento è la realizzazione di contenuti video di buona qualità.  Si, perché gli algoritmi presenti sul sito valutano i contenuti caricati, premiando quelli con una qualità superiore, rendendoli più visibili nelle ricerche.  Questo si è reso necessario perché il numero di video caricati quotidianamente è impressionante (si parla di 400 ore di video caricati ogni minuto) di cui tantissimi di qualità scadente o poco interessanti, quindi vengono tutti “valutati”.

Penso che i video, diffusi attraverso Youtube, siano lo strumento promozionale veramente efficace, quindi ho deciso di avviare un progetto sperimentale. Voglio dedicare una parte del mio tempo per cercare di avvicinare i negozi cittadini, che vorranno partecipare, all’utilizzo di Youtube, per farne testare con mano le potenzialità. Il primo scoglio da superare, per un nuovo canale su Youtube, è trovare un po’ di spazio nel mare di video caricati quotidianamente, in modo da acquisire una posizione autorevole , dando buona visibilità ai contenuti caricati.
Anche tralasciando in discorso qualità di un video, se un esercizio commerciale inserisse un solo contenuto al mese, sul proprio canale Youtube, questo avrebbe meno visibilità di un canale specializzato nello shopping che pubblica contenuti quotidianamente.



Nasce così “Shopping WEB TV”, un unico canale tematico, dedicato allo shopping, con contenuti forniti dagli esercizi commerciali locali. Lo scopo è quello di informare l’utenza locale su quello che è possibile trovare nei negozi fisici in città. Naturalmente, essendo Youtube fruibile in tutto il mondo, i potenziali spettatori ed acquirenti potranno anche trovarsi in altre città. Spetterà ad ogni singolo negozio la decisione di offrire o meno la spedizione degli articoli in vendita.

L'iniziativa “Shopping WEB TV” è sperimentale e durerà un anno. In questo periodo potremo appurare quanta visibilità ha portato il canale alle attività locali che aderiscono.

Ho creato l’apposito blog “Shopping WEBTV - Istruzioni d'uso”, raggiungibile a questo indirizzo https://howto-shoppingwebtv.blogspot.com/ che conterrà informazioni dettagliate su come sfruttare al meglio il nuovo canale Youtube “Shopping WEBTV”.


Ma perché un esercizio commerciale dovrebbe utilizzare un video Youtube per promuovere la propria attività?
Per una serie di motivi, andiamo ad elencare i principali:
1) c’è chi attribuisce a Steve Jobs (patron del colosso Apple) la frase “La gente non sa quello che vuole finché non glielo si mostra”. Che sia di Jobs o meno questa frase si sta dimostrando verissima, tantissimi utenti acquistano dopo aver guardato un video su Youtube e lo scrivono nei commenti. Un video di qualità, in un canale di qualità, può portare migliaia di visite in pochi giorni, che si possono facilmente tramutare in vendite.
2) a differenza dei social network Youtube è più ordinato. Anche a distanza di qualche mese è ancora possibile trovare facilmente un video che interessa, quindi la visibilità non si esaurisce immediatamente. Un negozio potrebbe avere dei contatti anche dopo due mesi dopo aver caricato un video. Sui social, come su Facebook o ancora peggio su Tweeter, le informazioni inserite si perdono, in pochissimo tempo, in un mare di cose inutili.
Con Youtube, è lo stesso sito che “consiglia” video affini ai gusti dei visitatori. Magari un utente che ha guardato video “fai da te”, potrebbe vedersi consigliare un video proposto da un negozio di ferramenta.
3) un contenuto caricato su Youtube può essere condiviso su tutti i social network mentre non è possibile fare il contrario. Se crei un video e lo carichi su Youtube, lo puoi condividere su Facebook, sui blog o siti, mentre se carichi un video su Facebook non lo puoi condividere fuori dal social.
4) Youtube è una piattaforma “open”, cioè gli utenti possono a venire a conoscenza di nuovi video anche senza avere mai avuto contatti precedenti con il creatore del video. Ad esempio un video di buona qualità, caricato su Youtube da un utente di Palermo può essere consigliato dal sistema ad un utente di Torino perché è interessato a quella tipologia di video, anche se i due utenti non hanno mai avuto contatti prima. Allo stesso modo una ragazza che ha guardato un video di una sfilata di moda può vedersi suggerire da Youtube un nuovo video di un negozio di moda, semplicemente perché trattano lo stesso argomento.
Basti pensare che la stessa consultazione dei video, su Youtube, è possibile anche senza registrazione. Con Facebook invece, i contenuti inseriti saranno visibili solo agli utenti di un gruppo, o di una pagina o agli amici. Se vuoi che vengano proposti ad altri utenti estranei bisogna pagare.
5) con le moderne SmartTV è possibile guardare un canale Youtube come se fosse un normale canale TV, interagendo con i video utilizzando il telecomando della TV.

Come faranno gli utenti a conoscere questo nuovo canale Youtube?
Premetto che essendo un progetto sperimentale, preferisco proporlo inizialmente all’utenza locale, quindi per il momento è rivolto agli esercizi commerciali delle provincie di Bari e Barletta/Andria/Trani. Di conseguenza anche i fruitori iniziali saranno i residenti in queste due provincie.
Per almeno un anno sono previste diverse forme pubblicitarie per far conoscere il nuovo canale Youtube, sia on-line che fisicamente per strada. Dispongo di mezzi promozionali che userò localmente.



SEI HAI UN NEGOZIO NELLE PROVINCIE DI BA O BAT RICHIEDI UN VIDEO PROMOZIONALE GRATUITO
SU "SHOPPING WEB-TV"

Leggi di più qui: CLICCA QUI





sabato 25 gennaio 2020

I dati personali hanno un valore... c'è chi li ha sempre sfruttati per fare soldi! Partecipa alla Class Action...


I tuoi dati personali hanno un valore… Facebook li ha sempre utilizzati GRATIS e senza informare l'utenza. Io ho chiesto un rimborso, partecipando ad una Class Action di AltroConsumo.
La Class Action, gratuita, chiede 285 euro di rimborso per ogni anno di iscrizione al social natwork.
Ecco come fare per partecipare...



venerdì 10 gennaio 2020

[Progetto lavorativo] Proposta collaborazione per giovani grafici per due progetti differenti.

Per comodità ho deciso di riassumere le due proposte in un solo post, ma non è obbligatorio aderire ad entrambe.
Si tratta di forme di collaborazione per giovani grafici, sull'intero territorio nazionale, nell'ambito della pubblicità. Non c'è capitale da investire. Adatte a chi ha intrapreso da poco il lavoro di grafico pubblicitario, solitamente chi lavora da anni nel settore ha il proprio bacino d'utenza e clienti, e magari è meno propenso a "sperimentazioni lavorative".
Entrambi i progetti hanno degli elementi in comune... il primo è l'attenzione per l'ambiente (molto rilevante ed apprezzato oggi). Possono essere considerati progetti "green" perchè permettono di veicolare informazioni e messaggi pubblicitari limitando gli sprechi e l'inquinamento.
Il secondo elemento è che creano nuovi spazi pubblicitari dove poter lavorare. Solitamente un'agenzia pubblicitaria si crea degli spazi, reali o virtuali (totem o pannelli 6x3 per strada, camion vela, spazi pubblicitari in Tv o radio, spazi pubblicitari sui siti internet ecc) dove poter mostrare dei messaggi pubblicitari. In entrambi i progetti presentati sotto creiamo nuovi spazi pubblicitari dove poter lavorare.
La prima proposta è legata al progetto lavorativo ADBike, si tratta di un gruppo di lavoro nazionale di giovani e-bikers con vela pubblicitaria. C'è bisogno di grafici pubblicitari che siano in grado di realizzare e stampare i manifesti da utilizzare nelle vele pubblicitarie. Puoi trovare maggiori informazioni sul sito internet dell'iniziativa (www.adbike.eu) e su uno specifico post in questo blog: https://gadaletamassimiliano.blogspot.com/2019/12/nasce-il-progetto-adbikeeu-la-prima.html

Ma in cosa consiste questa prima proposta di collaborazione? Te lo spiego in questo video:




La seconda proposta di collaborazione è legata al progetto "Lo Regalo Ma Non Lo Butto".
Realizzato nel 2010, è un sito internet che permette di donare oggetti in disuso, realizzato con una serie di accorgimenti per rendere veramente utile il dono ed evitare i "furbi". Con l'avvento dei confusionari gruppi Facebook, nati con lo stesso scopo, la maggior parte dei doni purtroppo va alle persone sbagliate (ne parlo in questo post: https://gadaletamassimiliano.blogspot.com/2019/06/no-social-differenze-fra-sito.html)
Nel 2013 ho realizzato un programmino per sistemi Windows, perchè il mio intento era portare gli annunci di dono, anche fisicamente per strada, non solo su internet (questo è un video dimostrativo del funzionamento del software: https://www.youtube.com/watch?v=Zj-tFaMXiDQ)
Purtroppo la mancanza di tempo da dedicare al progetto non mi ha permesso di farlo crescere com'era previsto. Ritengo che il progetto possa essere rilanciato ed ampliato, introducendo incentivi per chi collabora...
Questo progetto può essere suddiviso in due parti, perchè è possibile creare spazi pubblicitari in due modi differenti... per strada, nei locali pubblici e sul sito internet.
Ecco in cosa consiste questa collaborazione:


In questo post https://gadaletamassimiliano.blogspot.com/2019/06/collabora-con-lo-regalo-ma-non-lo-butto.html   spiego in che modo si potrebbero sfruttare gli spazi pubblicitari sul sito internet www.loregalomanonlobutto.it

Naturalmente, in una grande agenzia pubblicitaria i grafici realizzano solo le grafiche da stampare e gli agenti venditori procacciano i clienti. Nelle piccole realtà, specialmente agli esordi, bisogna adattarsi a fare un po' di tutto.
Non prometto guadagni facili, questi sono solo due progetti che creano nuovi spazi pubblicitari dove poter lavorare senza investire un centesimo, che non è cosa da poco. Basti pensare che un'agenzia pubblicitaria per poter avere nuovi spazi pubblicitari deve fare grossi investimenti, tipo l'acquisto di un camion vela, l'installazione di totem o di pannelli 6x3mt.
Questo non è sicuramente un lavoro da dipendente... qui bisogna procacciarsi i potenziali clienti e il guadagno è rapportato alla propria buona volontà... ma provare non costa nulla. Potrebbe anche essere un buon trampolino di lancio per ulteriori progetti.

Se ti va di partecipare ad uno o ad entrambi i progetti mandami un'email all'indirizzo riportato sotto ed iscriviti al gruppo Facebook "Gruppo di lavoro grafici pubblicitari progetti ADBike/LoRegaloMaNonLoButto" (https://www.facebook.com/groups/455734631766632/), sarà più facile scambiarsi idee e suggerimenti per trarre il massimo beneficio da queste collaborazioni.