martedì 7 maggio 2019

Software "LR VIsion" per mostrare annunci di dono/scambio oggetti in disuso, a cura di LoRegaloMaNonLoButto.it


Se ci fai caso, in Italia, a causa di cattiva gestione, alcune cose che per altre nazioni sono una risorsa qui sono un problema. Un esempio pratico? La spazzatura.
In alcune nazioni europee la spazzatura è considerata una vera e propria risorsa, perché viene differenziata correttamente e rigenerata, viene trasformata o viene incenerita creando elettricità o riscaldamento per intere città, senza alcun inquinamento. Su internet c’è parecchio materiale a riguardo.
La gestione della spazzatura in Italia è diventato un GROSSO problema. Purtroppo milioni di oggetti in disuso, vengono normalmente buttati nella spazzatura, quotidianamente, solo perché nel nostro paese non è diffusa la cultura del riuso. Siamo troppo viziati dal consumismo per assumere un comportamento più saggio.
Anche il riutilizzo dei materiali può trasformarsi da un problema ad una risorsa. Allungando la vita agli oggetti, non solo si produce meno spazzatura, che già di per sé è un buon traguardo, ma soprattutto si educa la popolazione ad un utilizzo più consapevole delle risorse. La terra non ha risorse infinite e soprattutto non può diventare un’immensa discarica abbandonata a se stessa. Rischiamo di compromettere seriamente la salute delle future generazioni.

Nel 2010 ho creato il sito internet www.loregalomanonlobutto.it L’intento era quello di donare e scambiarsi oggetti in disuso, attraverso annunci gratuiti, evitando però che questi andassero a quelle poche persone disoneste che poi li rivendono o li buttano (visita il sito che conoscerne il funzionamento).
Negli anni successivi sono nati decine di gruppi Facebook che hanno lo scopo di donare gli oggetti ma, come immaginavo, non hanno controllo sugli iscritti e sugli annunci. Gli oggetti spesso vengono donati a semplici tirchi, a nullafacenti che passano tutto il giorno sui social network o a chi gestisce mercatini dell’usato, e non vanno a chi veramente ne ha bisogno. Se ci fai caso, chi ha veramente bisogno di aiuto non ha la possibilità di accedere ad internet.

“Lo Ragalo Ma Non Lo Butto” è l’unico sistema che tenta di donare a persone di fasce sociali differenti, distaccandosi dai social network, cercando di raggiungere le persone ovunque, per strada.
Ad esempio, ho realizzato personalmente il software gratuito “LR Vision”. Questo permette di visualizzare a monitor gli annunci di dono o di scambio degli oggetti in disuso in città. Può essere utilizzato ovunque ci siano persone in pausa/attesa, come in un bar, in una sala d’attesa, in un centro scommesse, in una sala giochi ecc. Ha fondamentalmente una duplice finalità, educare l’utenza a donare e a prolungare la vita degli oggetti in disuso (con i gruppi Facebook un utente deve volersi iscrivere per donare, in caso contrario non ne conoscerà mai nemmeno l’esistenza) e raggiungere l’utenza che avrebbe bisogno di oggetti in dono ma che non è abituata o è impossibilitata ad utilizzare i social network.

Con questo software ho pensato anche ad un altro aspetto importante… su Facebook succede spesso che gli utenti creano gruppi o pagine invogliati da una nuova idea, ma tempo qualche mese l’euforia della novità comincia a scemare, rendendo sempre più scadente il servizio offerto nella pagina/gruppo, a volte abbandonando completamente il progetto. Questo perché non si è minimamente invogliati a proseguire l’iniziativa e l’unico che ci guadagna dal lavoro degli iscritti è il colosso Facebook, perché può propinare la pubblicità a sempre più utenti.

Quindi perché non incentivare queste iniziative indirizzando un piccolo introito non più a Facebook ma a chi porta avanti fisicamente queste iniziative?
Facciamo un esempio pratico… perché un gestore di un bar dovrebbe installare in un angolo del proprio locale un monitor che mostra oggetti in dono/scambio?
Si potrebbe dire che offre un servizio utile ai propri clienti? OK. Offre un servizio utile all’ambiente, incentivando il riuso dei materiali? OK. Ma questo potrebbe non bastare. Ecco che ho pensato di aggiungerci dei banner promozionali, proprio così come fa Facebook, ma con l’unica differenza che a guadagnarci è il gestore del bar, cioè chi fisicamente si dà da fare per offrire il servizio e non il colosso Facebook.

Facciamo un esempio pratico inventato… Il software “LR Vision” permette di inserire fino a 10 spazi pubblicitari. Questi appaiono durante la visualizzazione degli annunci di dono/scambio.
Ipotizziamo che il negozio di abbigliamento “StreetSport” (nomi inventati) voglia supportare il progetto e farsi pubblicità sul monitor esposto nel “Bar Roma”. Il titolare del negozio crea (o fa creare) un’immagine pubblicitaria e la carica nell’apposito spazio sul sito www.loregalomanonlobutto.it  All’immagine caricata viene assegnato un codice alfanumerico (ipotizziamo A48YEUI9NBR45). Il titolare del negozio concorda con il titolare del bar di far passare la pubblicità sul monitor per due mesi, riconoscendogli 50 euro, gli comunica il codice dell’immagine (A48YEUI9NBR45) che il barista inserirà nel software “LR Vision”, nei dieci spazi sponsor disponibili. Nell’arco dei due mesi il titolare del negozio può anche cambiare la grafica della pubblicità, con l’accortezza di assegnargli lo stesso codice della prima immagine (cioè A48YEUI9NBR45). Il software “LR Vision” caricherà automaticamente ad ogni avvio la grafica aggiornata, senza che il titolare del bar faccia qualcosa.
Qui sotto un video che mostra praticamente come funziona il software:



DOMANDE E RISPOSTE:
1) Cosa serve per far funzionare il software “LR Vision”?
Un monitor/TV di qualsiasi dimensione, collegato ad un computer, connesso ad internet. Si possono utilizzare anche computer vecchiotti o piccoli microcomputer da nascondere dietro la TV. Sul computer ci deve essere il sistema operativo Windows.
Puoi cercare su Ebay “mini pc” o su Alixpress Puoi acquistare un microcomputer come questo.

2) Il sito www.loregalomanonlobutto.it percepisce qualcosa sulla pubblicità esposta nei luoghi pubblici?
No, il gestore del bar ha piena autonomia sulla gestione dei banner pubblicitari. Può decidere se attivarli, a chi offrirli e a che prezzo (naturalmente rapportato al numero di clienti del bar).

3) Come si fa ad aderire all’iniziativa?
Scrivi un’email all’indirizzo riportato qui sotto, ti invieremo gratuitamente il software in comodato d’uso.
Se attivi il monitor nel tuo locale indicaci dove è esposto (nome locale, indirizzo ecc), renderemo pubblica la tua adesione al circuito, in modo che eventuali potenziali sponsor possono trovarti più facilmente.

4) Ci sono vincoli futuri od obblighi?
No, non hai vincoli. Se decidi di non utilizzare più il software comunicacelo, cancelleremo il tuo locale dalla lista dei locali aderenti all’iniziativa.



sabato 13 aprile 2019

Vendesi ricambi radiocomando Dji Phantom 4 Pro Plus [spare parts remote control Dji GL300E]

Vendo ricambi per radiocomando DJI modello GL300E. E' la versione con display/smartphone ad alta luminosità integrato. Può essere usato sul Phantom 4 Pro + e Phantom 4 Advanced +.
I pezzi sono nuovi, avranno lavorato al massimo un ora (in basso c'è spiegato perchè), provengono da un radiocomando acquistato l'11 Aprile 2019.

Lo scatolo del radiocomando nuovo:


I PEZZI IN VENDITA:

-Display smart ad alta luminosità, compresa cover posteriore  € 150
Ha ancora la pellicola protettiva originale.


-Joystick SX (anche se sembrano entrambi uguali)  € 25


-Joystick DX (anche se sembrano entrambi uguali)  € 25


-Modulo HDMI ouput, completo di sistema di raffreddamento e coperchio  € 100


ATTENZIONE: questo modulo HDMI NON E' UGUALE a quelli che si trovano in commercio per fare l'upgrade al radiocomando del Phantom 3/4.
Questo è il ricambio della versione PLUS (+) del drone Phantom 4 Advanced e PRO

-Pulsante HOME €15


-Pulsante RTH  €15


-Mainboard  € 70


-Batteria originale € 40

-Set pulsanti REC e Flyght mode (lato SX) € 10


-Set coppia pulsanti lato DX (photo) € 10


-Scocca posteriore e anteriore compreso di antenne e scheda WIFI € 40


-Hub pulsanti € 10


-Pulsante posteriore DX (R) € 5


-Pulsante posteriore SX (L) €5


-Flat nero € 5


-Rotella/punsante DX (iso,aperture...) € 15


-Rotella SX (regola tilt gimbal) € 15


I ricambi si possono ritirare di persona o posso spedire.






PERCHE' VENDO QUESTI PEZZI NUOVI?
Vedo di riassumere la vicenda. Sto vendono TUTTI i pezzi di un radiocomando nuovo tranne un cavetto (che è quello che serviva a me).
Mi spiego...
Possiedo da qualche mese un DJI Phantom 4 Advanced + (PLUS). Perfetto in tutto. Circa 20 giorni fa mi sono deciso a fare la modifica alle antenne che molti utenti fanno, cioè sostituire le antenne originali con un modello più performante. Per fare questo bisogna aprire il radiocomando, un'operazione abbastanza delicata da fare con calma.
A casa, inizio a smontare la radio, ma sono costretto ad allontanarmi dal tavolo di lavoro per una ventina di minuti. E' in questo frangente che si consuma la... "tragedia". Possiedo tre gatti, il più curioso ha pensato bene di mettersi a giocare con i sottili cavetti che fuoriuscivano dal radiocomando. Quando sono tornato ho scoperto che un cavetto, formato da sottilissimi fili era stato danneggiato (sicuramente dalle unghie del gatto che ci ha giocato).



Passato il trauma iniziale, ho smontato il gatto, no, volevo dire il cavetto ed ho cercato il ricambio. E' lì che mi sono accorto dell'assurdità della vicenda: DJI non fornisce quel tipo di ricambio!
Ho contattato mezzo mondo per cercare il cavetto, nuovo o usato, ma niente. L'unica risposta, lontanamente accettabile, è stata quella di un centro assistenza droni italiano che non poteva vendermi il ricambio ma dovevano fare loro l'operazione. Però oltre al cavo avrebbero dovuto sostituire anche il display/smartphone del radiocomando... spesa totale 410 euro + spedizione.
Aldilà dell'altissima spesa, il mio radiocomando funziona benissimo. Non volevo sostituire il display/smart perchè ne ho modificato il software, adattandolo alle mie esigenze, operazione che mi è costata ore di lavoro e che non volevo ripetere tutto da capo.
A questo punto ho deciso di acquistare un radiocomando nuovo, togliergli il cavetto che mi serviva, smontarlo e venderlo come ricambi, cercando di recuperare più possibile della cifra spesa. Operazione che ho fatto, ecco perchè i ricambi sono nuovi, ho solo provato il radiocomando prima di smontarlo.

venerdì 22 marzo 2019

PROMOZIONE: Fotografie aeree 360° per attività ricettive e aziende

Le fotografie aeree a 360 gradi stanno riscuotendo un enorme successo. Se diffuse attraverso la piattaforma Google Maps Street View vengono visualizzate giornalmente da migliaia di persone... un ottimo biglietto da visita per le attività ricettive in tutto il mondo.

Abbiamo creato la prima rete nazionale di operatori droni professionali e fotografi certificati Google Maps Street View per poter offrire su tutto il territorio nazionale un prodotto fotografico di altissima qualità e di forte impatto visivo.


PERCHE' UTILIZZARE UNA FOTOGRAFIA AEREA A 360 GRADI?
Per molte attività ricettive la posizione geografica è fondamentale perchè solitamente, chi decide di trascorrere qualche ora di svago vuole anche godere di qualcosa si bello da guardare.
La fotografia a 360 gradi, maggiormente quella aerea, ti permette di godere di una vista mozzafiato, potendo guardare in ogni direzione. Se associata ad un'attività ricettiva è sicuramente un valore aggiunto per scegliere proprio quell'attività.


PERCHE' INSERIRE UNA FOTOGRAFIA AEREA A 360° SU GOOGLE MAPS STREET VIEW?
Google oramai è il motore di ricerca per eccellenza, utilizzato da milioni di utenti ogni giorno. Viene utilizzato anche quando si deve scegliere di fare vacanza, soprattutto grazie a Street View, la funzionalità di Google Maps che permette di visualizzare fotografie a 360 di strade e attività commerciali, indirizzandoci verso le destinazioni che riteniamo più piacevoli.
Un nostro fotografo certificato Google Maps può associare una fotografia aerea 360° al profilo dell'attività commerciale presente sul motore di ricerca, in questo modo effettuando una ricerca su Google o utilizzando l'APP per smartphone, si potrà vedere anche la foto che mostra il panorama intorno l'attività stessa.
Inoltre le fotografie più belle, quindi quelle più visitate, vengono "consigliate" dalle APP Google, agli utenti che si trovano in zona o che fanno una ricerca per quella zona. Un'ottima opportunità per attrarre nuova clientela.
Nel caso invece di aziende che hanno investito del capitale per la realizzazione di moderne strutture, sicuramente una visione d'insieme scattata dall'alto servirà a fare apprezzare l'azienda.


A CHI SI RIVOLGE LA PROMOZIONE?
Ristoranti, bed&breakfast, resort, agriturismi, sale ricevimenti e tutte quelle attività ricettive collocate nel verde, oppure aziende che possiedono una struttura all'avanguardia apprezzabile da una visione d'insieme dall'alto.


IN COSA CONSISTE IL SERVIZIO?
In un giorno concordato, un operatore professionale realizzerà gli scatti aerei per creare una fotografia a 360 gradi a qualche metro dall'attività commerciale che richiede il servizio. Entro un paio di giorni la foto panoramica sarà caricata su Google Maps Street View ed associata all'attività stessa, in questo modo chi cerca su Google informazioni su tale attività vedrà anche la foto aerea.
Tramite email verrà inviata al richiedente un file contenente una grafica personalizzata con un CodiceQR. Questa potrà essere stampata dal cliente in qualsiasi formato ed affissa all'interno del locale stesso. In questo modo i clienti con uno smartphone/tablet potranno visionare la fotografia aerea senza digitare indirizzi internet.
Qui un esempio inventato di locandina:

Se non hai mai utilizzato i codici QR con il tuo smartphone qui sotto c'è un video dimostrativo:


QUANTO COSTA IL SERVIZIO?
Il servizio è in promozione per far conoscere le potenzialità delle fotografie aeree associate a Google Maps. Il costo è di 140 euro (invece del prezzo pieno di 300 euro). L'offerta è limitata solo alle prime 5 richieste per ogni provincia.


IL SERVIZIO E' OFFERTO IN TUTTA ITALIA?
Stiamo creando una rete di operatori professionali operante su tutto il territorio nazionale. Alcune zone sono ancora scoperte,  saranno servite a breve.


COME SI RICHIEDE IL SERVIZIO?
Manda un'email all'indirizzo qui sotto, senza impegno, indicando i tuoi dati, un recapito telefonico ed il punto esatto in cui si trova l'attività commerciale/ricettiva a cui la foto dovrà essere collegata.
Entro tre giorni lavorativi riceverai risposta con le seguenti indicazioni:
1) se è disponibile un operatore professionale nella tua zona
2) se è possibile volare con un drone nella zona che hai indicato (per alcune zone ci vogliono permessi speciali o potrebbe essere vietato volare)
3) ti verrà indicato il prezzo del servizio (se rientri o meno nei primi 5 della zona o se ci sono altre spese)
Se accetti il preventivo potrai concordare direttamente con l'operatore di zona quando scattare le foto.



PERCHE' E' UNA FORMA PUBBLICITARIA DELLE PIU' CONVENIENTI OGGI?
Perchè è l'unica forma di pubblicità permanente, senza alcun canone annuale.
Pensaci... se inserisci una bella foto associata ad un profilo aziendale su Google, questa resterà visibile per 5, 10 anni o più senza pagare alcun canone annuale a Google. In caso la tua attività cambi aspetto negli anni, la foto rimarrà sempre un reperto storico di come è cresciuta l'attività commerciale negli anni.


QUALCHE ESEMPIO DI FOTOGRAFIA AEREA A 360°?
Qui sotto trovi i link ad alcune nostre fotografie aeree 360° ad altissima definizione.
https://goo.gl/maps/ps3ywDNtwuF2
https://goo.gl/maps/Mx3pko7iDrx
https://goo.gl/maps/bZHZuPHmriE2



domenica 17 marzo 2019

Il mio supporto per action cam 360° da applicare al drone Dji Phantom 4 Advanded/Pro

Come per i precedenti droni, è nata la necessità di personalizzare anche l'ultimo Dji Phantom 4 Advanced Plus per utilizzi un po' più specifici.
In questo caso avevo la necessità di applicare al drone una cam a 360°, per poter effettuare riprese aeree a 360 gradi. Al momento possiedo due cam per riprese 360°, la Xiaomi Mi Sphere e la Insta360 One X, la seconda è sicuramente più indicata per riprese aeree perchè ha un sistema migliore di correzione dei movimenti involontari.
Come per gli altri progetti, anche per questo ho dovuto fare diverse prove per raggiungere un risultato soddisfacente, c'è anche da dire che il Phantom, a differenza di suo fratello Mavic, si presta meno all'aggancio di oggetti da trasportare nella parte inferiore, perchè ha un baricentro più basso ed attaccandoci qualcosa lo si abbassa ulteriormente, cosa che incide sulla stabilità e guidabilità del drone.
Dalle esperienze passate sugli altri droni ho imparato che è preferibile sempre utilizzare dei gommini per evitare di trasmettere le vibrazioni dei motori/eliche alla videocamera. Naturalmente, altro fattore da tenere presente è il peso di quello che si vuole agganciare sotto al drone, per evitare che la durata di volo scenda eccessivamente. A tal proposito devo dire che ho trovato molto utile nel precedente drone (Xiaomi Mi Drone 4K) la possibilità di sganciare velocemente il blocco gimbal/cam, in questo modo si evitava di portare in volo peso inutilizzato.
Ho realizzato il supporto in modo che si possa sostituire il bulloncino da 1/4 di pollice con uno di lunghezza differente o con un dadino per farlo diventare un attacco femmina.
Nella prima versione di questo nuovo supporto ho notato che le vibrazioni delle gambe del Phantom veniva facilmente trasmessa alla base agganciata trasversalmente ad entrambe le gambe,


così ho deciso di aggiungerci delle "venature" che irrigidissero la struttura.
Nei primi test di volo ho notato un'eccessiva sensibilità al vento,


cosi' ho deciso di accorciare il gambo del sostegno per la cam. Questa è la versione del supporto che sto utilizzando adesso:





Ho anche aggiunto una fascetta plastica ad uno dei gommini per una questione di sicurezza. Anche se non mi è mai successo che un supporto con gommini si sganciasse in volo è meglio non rischiare di perdere una cam da 300/400 euro.

COME VA IN VOLO?
Devo dire che, anche se meno della prima prova, il drone diventa più sensibile al vento, avendo un'appendice appesa sotto.
Qui due test fatti in due zone differenti nello stesso pomeriggio. Al mare c'era un po' di vento, ma muovendosi piano il drone vola tranquillamente.La stabilizzazione della Insta360 One X riesce ad ovviare ai dondolii del drone in fase di volo:


Qui altri due test effettuati Sabato 16 Marzo presso il lago artificiale di Locone.
Nel primo pomeriggio c'era un po' di vento (si nota anche dalle increspature dell'acqua) ed è successa una cosa strana, il drone non andava oltre i 3mt al secondo. Non so se c'è qualche limitazione software del drone che controlla gli sballottamenti del drone e ne abbassa la velocità. Infatti appena sollevato il drone c'è stata qualche folata di vento che ha fatto sballottare il drone.


Circa un'ora dopo, dall'altro lato del lago, il vento si era calmato. Ho fatto un.altro volo ed in effetti avevo la possibilità di farlo andare più veloce.



In questo test ho provato a spostare il supporto un po' più avanti, non proprio al centro del piede del drone. In questo modo ho spostato il baricentro del drone più avanti rendendolo più reattivo all'incremento di velocità. Ho montato il supporto dopo aver acceso in drone a causa del test della cam. Giornata con un po' di vento...



Qui un veloce  giro nel canyon di Capotenda (Gravina in Puglia) in attesa che riapra al pubblico...


N.B. Per vedere i video 360° della Insta360 One X alla massima risoluzione (5K) bisogna avere un computer abbastanza potente (soprattutto la scheda video) e una connessione internet veloce.



COME SI MONTA IL SUPPORTO?


AGGIORNAMENTO 18/03/2019
Da quando ho iniziato a mostrare i primi video su Facebook ho avuto svariate richieste di informazioni (da qui l'esigenza di questo post) e qualche richiesta per una copia del supporto.
Se vuoi una copia di questo supporto contattami all'indirizzo email riportato sotto.

-Prezzo supporto: 25 euro
-Spedizione tramite corriere, consegna in 24/48 ore, 7 euro (salvo zone disagiate)(per pagamento contrassegno aggiungere 2 euro)
-Metodi di pagamento: contanti, bonifico, ricarica postepay, Paypal
-Per pagamento tramite Paypal: aggiungere 1,60 euro per le tariffe. Se invece mi invii i soldi tramite Paypal senza la mia richiesta non c'è da aggiungere la tariffa di 1,60 euro
-Tempi per la realizzazione: 2-3 giorni lavorativi



mercoledì 23 gennaio 2019

Fotografie aeree a 360 gradi su Google Maps Street View... un affascinante nuovo punto di vista.

E' risaputo... per chi ha un'attività commerciale la pubblicità non è mai abbastanza, specialmente in periodi di crisi. Un esercente deve saper scegliere, fra centinaia di offerte pubblicitarie differenti, quella più adatta alla propria attività commerciale e soprattutto quella con un miglior rapporto fra investimento e resa. In teoria, la pubblicità ideale dovrebbe poter essere visibile sempre, 365 giorni all'anno 24 ore su 24.

Sono appassionato di aeromodelli da circa 5 anni, ho scoperto che solo sollevandosi di 10 metri da terra si riescono a vedere cose inimmaginabili ed affascinanti. Sono anche un "Fotografo certificato Google Maps Street View", da anni realizzo fotografie con la tecnologia a 360 gradi con cui creare virtual tour molto piacevoli ed immersivi.

Da qualche mese ho deciso di mescolare questi "ingredienti" per creare un servizio veramente innovativo, piacevole, efficace e duraturo. E' rivolto soprattutto alle attività ricettive con indole naturalistica, come agriturismi, ristoranti, resort e bed & breakfast immersi nella natura ecc. cioè strutture ricettive dove i clienti cercano il relax e il piacere dei sensi.

Si tratta di fotografie a 360 gradi, ad altissima definizione, scattate dall'alto (da un drone) in corrispondenza della struttura ricettiva ed inserite in Google Maps Street View.
Non hai mai visto una fotografia aerea a 360 gradi? Ecco qualche esempio preso a caso, realizzato dal sottoscritto...




Solitamente i clienti delle strutture ricettive elencate, fra le altre cose, cercano anche qualcosa di piacevole da guardare, quindi non c'è immagine più bella da vedere che un panorama mozzafiato intorno al luogo prescelto, inoltre con la possibilità di ruotare la vista a 360 gradi.
Queste bellissime immagini aeree sono caricate su Google Maps, lo strumento geografico oggi più utilizzato al mondo, e collegate alla scheda Google dell'attività ricettiva. Ogni giorno milioni di utenti nel mondo consultano Google Maps con un computer o con smartphone. La cosa più interessante è che le foto caricate saranno visibili su Google Maps per anni, 365 giorni all'anno, 24 ore su 24.

La fotografia aerea realizzata è ad altissima definizione, con una risoluzione di circa 300MegaPixel. Oltre ad essere caricata su Google Maps, all'esercente che richiede il servizio vengono consegnate tre fotografie digitali, una con le dimensioni originali, una ridimensionata a 100MegaPixel, in modo da poterle utilizzare anche in altri contesti, ad esempio nella propria pagina Facebook o sul proprio sito internet e la terza preparata per la stampa. Chi vuole potrà stampare un grande poster fotografico da esporre nell'attività stessa.
Ad esempio, la prima foto demo qui sopra può trasformarsi in un poster fotografico panoramico 70x210cm con quest'aspetto:


E' possibile stampare il file attraverso i servizi di stampa fotografica on-line, ad esempio  www.pixum.it che offre gigantografie fotografiche in formato panoramico ad un ottimo prezzo.


AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2019:
Ho scoperto con piacere che l'argomento fotografie a 360°, soprattutto quelle aeree, desta molto interesse. Ho deciso quindi di dedicare all'argomento un blog specifico: "Puglia360 - Il bello della Puglia... da un nuovo punto di vista [VR360]", raggiungibile all'indirizzo www.puglia360.info
Il fine del blog è mostrare le bellezze della Puglia attraverso fotografie e video a 360°.
Qui invece trovi la pagina Facebook: https://www.facebook.com/Puglia360FotoVideo/ . Se ti va metti un Mi Piace, grazie.


Se ti servono maggiori informazioni contattami all'indirizzo email riportato qui sotto.